Falsi poveri, pizzicato furbetto ad Asiago con quaranta case che affittava in nero

di Francesco Cavallaro

PADOVA – Tagliate le gomme di cinque mezzi dell’Unione della polizia municipale Pratiarcati e della Panda dei Rangers d’Italia ad Albignasego. Il fatto è avvenuto nella notte fra mercoledì e giovedì, intorno alle 3. Il raid vandalico è stato denunciato ieri ai carabinieri.

I veicoli – una Punto, una Palio, una Panda e due furgoncini (più la Panda dei Rangers) – erano parcheggiati nel cortile esterno alla sede della municipale in via Roma. L’area è recintata da una rete alta un metro e mezzo. Ignoti hanno scavalcato con facilità la recinzione dalla parte di viale Cavour. Poi si sono messi all’opera. Hanno tagliato un paio di pneumatici di ogni veicolo con un coltellino: un colpo secco, giusto per bucare la gomma. L’azione è durata una manciata di secondi. I vandali sono quindi scappati facendo perdere le loro tracce. Chiaro l’intento di lasciare a piedi gli agenti della polizia municipale.

Il fatto è stato scoperto giovedì mattina intorno alle 7 da un vigile. La pattuglia del primo turno ha quindi chiamato il carro attrezzi della ditta convenzionata con il comune. Le auto sono state portate in officina e riparate nel giro di un paio d’ore. Poco prima delle 10 di giovedì tutto il parco macchine colpito dal raid era pienamente operativo.

Secondo le prime testimonianza raccolte dagli stessi vigili, un residente della zona ha sentito i suoi cani abbaiare furiosamente verso le 3 di giovedì mattina. Probabilmente sono stati svegliati dai rumori provenienti della sede della municipale. L’uomo si è affacciato alla finestra, ma non ha notato nulla di strano.

Il Comune, che è coperto da assicurazione per atti vandalici, non dovrà pagare i danni. È la prima volta che i vigili urbani vengono presi di mira in maniera così pesante. Negli ultimi mesi la municipale non ha ricevuto minacce di alcun tipo. Le forze dell’ordine stanno ora indagando sui possibili autori dell’atto vandalico. «Si tratta di un gesto vigliacco, da condannare – commenta il sindaco Massimiliano Barison – Sono stati danneggiati dei beni mobili che appartengono al comune e, di conseguenza, a tutta la comunità».

Sabato 28 Maggio 2011 – 23:30 Ultimo aggiornamento: Domenica 29 Maggio – 08:36

© RIPRODUZIONE RISERVATA