venerdì 29 settembre 2006, ore 19.00

L’impegno di Castelnovo Monti

Continuano le indagini della Procura sul suicidio di Giacomo Li Pizzi e parallelamente Castelnovo Monti porta avanti la sua battaglia. Quella contro il disagio che attanaglia i giovani e che preoccupa tutti, dalle famiglie alle istituzioni, dal mondo della scuola alle forze dell’ordine.

E’ passato più di un mese dalla notte in cui Giacomo si gettò dalla Pietra di Bismantova e dall’apertura dell’inchiesta che vede indagati per atti di nonnismo 9 giovani del paese, ma la comunità castelnovese è ancora scossa. Poi la notizia che tre di questi ragazzi avrebbero per mesi appiccato il fuoco ad auto, cassonetti e balle di fieno. Ed è di pochi giorni fa l’ultimo suicidio dalla Pietra di Bismantova: un giovane di Selvapiana di Canossa, un ragazzo di 21 anni come Giacomo.

La percezione di un disagio diffuso persiste e preoccupa. ‘Ma c’è da parte di tutti la voglia di reagire – dice il sindaco Gianluca Marconi – di capire dove si è sbagliato, di collaborare’. I gruppi di maggioranza e minoranza insieme hanno dato vita a un ideale percorso fatto di incontri e confronti. A metà settembre sono stati ricevuti in comune i rappresentanti delle forze dell’ordine. Ieri si sono seduti allo stesso tavolo i dirigenti delle scuole del paese, dalle elementari alle superiori: si è parlato del ruolo educativo dell’istituzione scolastica e di come convolgere i giovani nel tempo libero, di come avvicinare le famiglie.

Nei prossimi giorni sarà la volta delle parrocchie, dei servizi assistenziali, delle associazioni sportive. In mezzo un confronto aperto con i cittadini: venerdì prossimo il consiglio comunale aprirà le porte a tutti coloro che vorranno partecipare. All’ordine del giorno i problemi sociali ed educativi dopo gli episodi di malessere giovanile accaduti in paese. Insomma un percorso che dovrà portare a idee e proposte concrete. ‘Abbiamo piena fiducia nel lavoro della magistratura, continua Marconi, ma al di la delle indagini tutti siamo chiamati ad affrontare la situazione’.